Dove siamo

Prenota ora

Dove siamo

Euro Hotel Via Trieste 62, 08100 Nuoro (NU) Tel +39 078434071 - Fax +39 078433643 Email : eurohotel.nu@gmail.com

Calcola il percorso

Inserisci nel campo di testo l'indirizzo di partenza e premi CALCOLA oppure premi il tasto POSIZIONE ATTUALE per ottenere il percorso dal luogo in cui ti trovi.

Usa la geolocalizzazione Dalla posizione attuale

Come arrivare

In aereo

L'aeroporto più vicino è quello di Olbia, ma è possibile anche atterrare all'aeroporto di Alghero. La città è raggiungibile dagli aeroporti tramite autobus di linea.

In treno

Le linee ferroviarie sono limitate ma mettono in comunicazione Macomer, Cagliari e Sassari.

In auto

Nuoro è raggiungibile da Porto Torres e Alghero attraverso la super strada 131 fino a Macomer, la statale 129 fino alla stazione di Oniferi e la superstrada 131 bis; da Cagliari e o Oristano attraverso la 131 e la 131 bis e da Olbia attraverso la strada 131 bis.

In nave

Il porto più vicino è quello di Olbia, situato a poco più di 100km da Nuoro.

Principali collegamenti e distanze:

Aeroporto di Alghero-Fertilia: 135 Km
Aeroporto di Olbia-Costa Smeralda: 100 Km
Porto di Porto Torres: 135 Km
Stazione Ferroviaria: 500 mt
Fermata Autobus: 1 Km

Chiedi tutte le informazioni su come arrivare a Nuoro, nonché gli orari dei collegamenti “Olbia-Nuoro-Olbia” e “Cagliari-Nuoro-Cagliari” direttamente all'indirizzo di posta elettronica: info@eurohotelnuoro.it
Se sei interessato potrai anche chiedere informazioni e scegliere i nostri servizi opzionali personalizzati di accoglienza e trasferimento all'hotel direttamente dal tuo luogo di arrivo.

 

La città di Nuoro

Nuoro, piccola città al centro della Sardegna, grande capitale di cultura e di ricche tradizioni, conserva tracce di una lunga storia millenaria. Testimonianze di queste antiche origini, si ritrovano sia nei quartieri storici di “San Pietro” e di “Seuna”, ma anche nel sito archeologico all'interno del parco urbano di “Tanca Manna”, caratterizzato dal meraviglioso nuraghe che spicca sul colle omonimo e da cui si gode una vista spettacolare sui monti e sulla città.

Il Museo Nazionale Archeologico ne raccoglie interessanti reperti ed espone una chiara sintesi delle vicende preistoriche e di epoca nuragica di tutto il territorio. Il Museo Regionale Etnografico conserva una ricca collezione di manufatti artigianali e di costumi tradizionali. Il museo MAN, con la sua collezione permanente e con le tante mostre di arte contemporanea, costituisce un prezioso punto di riferimento per l’arte sarda.

D’interesse architettonico e artistico sono certamente le due chiese delle Grazie, il Duomo ottocentesco (Cattedrale), la chiesa di San Carlo, le chiesette campestri della Solitudine, con le spoglie di Grazia Deledda, e di Valverde.

Tra i cittadini illustri nuoresi molto nota è Grazia Deledda, premio Nobel per la letteratura nel 1926. E’ visitabile la sua casa museo. Di grande interesse sono poi le opere dello scultore Franceso Ciusa, fra cui eccelle la “Madre dell’ucciso”, esposta insieme alle altre sue opere nel museo a lui intitolato, dove si possono visitare anche importanti mostre temporanee, ospitate nei suggestivi locali dell'antico tribunale. Famose sono anche le vigorose e intense poesie di Sebastiano Satta, alla cui memoria l'amico Francesco Ciusa dedicò un monumento scultoreo visitabile all'interno del parco urbano del colle di Sant'Onofrio. Le sculture di Costantino Nivola, in pietra e in bronzo, caratterizzano la piazza Sebastiano Satta. A Orani, paese vicino Nuoro, è possibile visitare la collezione del museo Costantino Nivola. Il grande fermento culturale e una produzione artistica di livello internazionale, hanno fatto nascere per Nuoro l'epiteto di “Atene Sarda”, che conserva ancora oggi, grazie alle opere di eminenti personalità contemporanee in campo sia artistico che letterario.
Il fascino dell’antico affiora ancora nelle occasioni di festa.
A metà gennaio, per la festa di Sant'Antonio Abate, nei quartieri della città si organizzano grandi falò (sos focos)  e vengono offerti fava e lardu (fave con lardo), vino e pane carasau. Attorno al fuoco: canti, balli sardi e l'immancabile gioco della morra.

A carnevale, accanto al nuovo, sfilano le antiche maschere tragiche, quali i mamuthones, boes, merdules, turpos, tamburinos, le cui origini risalgono ai riti misterici dionisiaci. A Mamoiada, paese a breve distanza da Nuoro, è possibile visitare il museo delle maschere tradizionali.

Nella Sagra del Redentore, alla fine di agosto, alle processioni religiose si affianca la sfilata dei costumi tradizionali di ogni parte della Sardegna; seguono fino a tarda notte i canti e le danze tipici.

A novembre, per la festa della Madonna delle Grazie, 12 giovani nuoresi, vestiti con il costume  tradizionale, offrono 12 ceri alla Madonna in rappresentanza degli altrettanti rioni della città. Nello stesso periodo, in occasione della manifestazione Autunno in Barbagia, vengono aperte le “cortes” delle antiche case del centro storico; per i turisti un occasione imperdibile di conoscere meglio le autentiche tradizioni e l'artigianato locale, e per  conoscere usi e costumi degli abitanti, anche attraverso le degustazioni di prodotti tipici.